Post Image

La diffusione delle terapie Odontoiatriche con sostituzione della dentizione naturale esausta con Impianti Dentali, è ormai una realtà consolidata; la crescita esponenziale, numericamente parlando, dei pazienti porattori di impianti ha visto prima nascere e poi diffondersi le patologie legate proprio a questi “sostituti radicolari”.

Per tutta una serie di fattori tra cui in primis il fatto che la grande maggioranza dei pazienti non gestisce una igiene orale adeguata ed efficace anche perchè non adeguatamente motivati ed istruiti in merito dai loro curanti, come nondimeno  il largo utilizzo di devices scadenti e le scarse nozioni clinico-tecniche di una larga maggioranza di coloro che praticano l’implantologia, i dati di letteratura disponibili ci evidenziano che la mucosite perimplantare incorre nell’80% dei pazienti che hanno avuto necessità di interventi per il posizionamento di impianti dentali (con interessamento del 50% dei siti), mentre la perimplantite caratterizza a secondo delle pubblicazioni dal 28% fino al 56% dei pazienti  (con una incidenza che varia dal 12% al 40% dei siti).

Come  le Gengiviti e le Parodontiti rischiano se non intercettate e risolte di farci perdere i nostri denti naturali, anche per gli Impianti dentali, infiammazione, accumulo di placca batteria e tartaro ed altre cause specifiche, possono essere causa di dolore, sanguinamento, arretramento delle gengive ed anche grave perdita di osso intorno agli impianti


La malattia perimplantare è caratterizzata inizialmente da una lesione infiammatoria che viene ad affliggere i tessuti molli, definiamo questo stadio quindi di mucosite, per trasformarsi progressivamente se non controllata in perimplantite franca quando vengano interessati sia la mucosa che l’osso di supporto.

 

Con il termine di mucosite perimplantare si definisce uno stato infiammatorio della mucosa intorno all’impianto, senza perdita di osso marginale in modo continuo su tutta la dimensione dell’impianto. Questa condizione è sempre associata a presenza di placca ed è normalmente reversibile